La pandemia del coronavirus ha causato cambiamenti di rilevante importanza in tutto il mondo, per tale ragione le aziende operano quotidianamente col fine di trovare strategie future efficaci. I lockdown improvvisi e obbligatori sono stati la maggiore causa di una rapida digitalizzazione di tutta l’economia, processo accelerato dalla necessità da parte delle imprese di lavorare da remoto.

Con i dipendenti non in sede che lavorano da casa, le aziende sono state costrette ad adottare nuove soluzioni tecnologiche, che hanno riguardato tutti i processi aziendali. Dal mantenimento della sicurezza dei dati, fino all’organizzazione delle riunioni del team, le aziende sono passate a risposte a breve termine per risolvere quelli che speravano essere problemi di non lunga durata. Questo però non sembra essere abbastanza, poichè gli sforzi per costruire un team con un’elevata produttività e che sia motivato meritano più di una soluzione a breve termine.

Le riunioni che attualmente sono in corso durante le videochiamate, potranno tornare alle normali conversazioni solo una volta che il personale sarà in ufficio; anche il volume dei messaggi istantanei diminuirà man mano che i colleghi potranno conversare di persona. Ma le aziende che intendono tornare allo normalità potrebbero perdere un’enorme opportunità per migliorare la salute e il benessere a lungo termine del proprio personale.

Priorità per combattere l’isolamento

Gli effetti del lockdown hanno causato danni significativi alla salute mentale e al benessere della popolazione. Un terzo delle donne e un quarto degli uomini nel Regno Unito hanno ammesso di aver sofferto di solitudine durante la pandemia COVID-19. Questo rappresenta una seria minaccia per la salute e la sopravvivenza delle imprese in tutto il paese.

Sappiamo inoltre del grosso impatto che ha il benessere mentale sulla produttività: gli esseri umani sono di natura sociale e prosperano in una comunità di individui. I team collaborativi e coinvolti sono più felici e con una maggiore produttività e creatività: il Global Happiness Council stima che un aumento significativo del benessere della forza lavoro può causare un incremento fino al 10% della produttività. Il benessere della forza lavoro è diventato quindi una priorità per alcune imprese, poiché ora più che mai è difficile valutare come si sentono i dipendenti, ma in realtà, è necessario un focus continuo affinché queste iniziative abbiano successo.

I problemi a lungo termine richiedono soluzioni a lungo termine

Disposizioni di salute mentale a breve termine per contrastare gli effetti del lockdown appaiono un approccio non abbastanza efficace per un problema così tanto significativo e di grande portata. Circa una persona su quattro ogni anno in Europa soffre di un problema di salute mentale, come depressione o ansia. Si tratta di una questione sistemica che non può essere affrontata efficacemente a nessun livello con soluzioni a breve termine; le imprese dovrebbero cogliere questa opportunità per attuare un approccio strategico a lungo termine prendendosi cura dei propri dipendenti e proteggendo il loro benessere mentale.

In primo luogo, costruire una cultura aziendale forte e autentica è fondamentale per garantire il benessere dei dipendenti. L’impegno a rispettare una serie di valori fondamentali dovrebbe costituire la base di qualsiasi strategia per il benessere dei dipendenti. I valori aziendali dovrebbero favorire una sensazione di scopo condiviso e influire sul modo in cui i dipendenti dovrebbero comunicare tra loro, poiché le dinamiche all’interno del team possono avere un enorme impatto sul benessere. Oltre a questo, le aziende dovrebbero favorire l’equilibrio tra vita professionale e vita privata e tenere d’occhio le persone per assicurarsi che stiano vivendo bene il loro percorso.

In secondo luogo, guardando più da vicino le ricerche, sappiamo che una maggiore esposizione alla tecnologia, Internet in particolare, è uno dei fattori alla base della proliferazione dei problemi di salute mentale a livello globale. Ma la tecnologia può anche aiutare a fornire le risposte. Con il personale che lavora da remoto, molte aziende si sono rivolte a soluzioni tecnologiche, come il coaching digitale, per aiutare i propri lavoratori a connettersi e ad accedere al supporto di cui hanno bisogno, sia che si tratti di affrontare lo stress o di gestire l’equilibrio tra lavoro e vita privata.

Il coaching, ad esempio, ha dimostrato di ridurre lo stress, l’ansia e la depressione e, se offerto digitalmente, è accessibile indipendentemente dalla posizione, dalla nazionalità o dalla lingua del partecipante. Ma nonostante questo rappresenti una soluzione ideale per i dipendenti durante il lockdown, la continuità è la chiave per promuovere un cambiamento reale e se consideri queste soluzioni solo temporanee, ne perderai il vero potenziale.

Il futuro del lavoro

ll benessere dei dipendenti non è un problema nuovo da affrontare per le aziende e non è una questione che può essere risolta dall’oggi al domani, semplicemente acquistando un nuovo strumento. Ma l’isolamento imposto a tutti noi dalla pandemia del coronavirus, ha dato a ogni azienda l’opportunità di valutare a fondo la tipologia di supporto da fornire ai propri dipendenti.

Una volta che i team inizieranno a tornare in ufficio, sarebbe controproducente e dispendioso non continuare a promuovere tali misure: i datori di lavoro hanno ancora il dovere di prendersi cura da vicino del benessere del proprio personale, quindi dovrebbero continuare o espandere qualsiasi programma, man mano che le condizioni economiche iniziano a migliorare. Le aziende che usciranno avvantaggiate da questa pandemia saranno quelle che coglieranno l’opportunità per investire sulle proprie persone, in modo significativo e a lungo termine.

Durante la pandemia, abbiamo lanciato una serie di video motivazionali del lunedì con la nostra Senior Behavioral Scientist Interna Rosie Evans, che ha dimostrato quanto degli esercizi specifici siamo efficaci per la gestione dello stress e dell’ansia. Questi sono solo alcuni approcci che i nostri coach usano spesso con i loro coachee durante le sessioni di coaching. Dai un’occhiata alla serie di video qui e per saperne di più su come il coaching digitale può supportare il benessere della tua forza lavoro, contattaci.

Vuoi scoprire come Coachhub può aiutare la tua impresa?

Scopri di più su CoachHub